Torna a Monografie

Dati bibliografici

Autore A. Panzetta
Editore Fioranna ed.
Luogo di pubbl. Napoli
Anno di pubbl. 2020

Specifiche

Pagine 432
Lingua Italiano
Richiedi informazioni
MonografiePubblicazioni

Animali e “Animalier” nella scultura italiana tra Neoclassicismo e Novecento

Fioranna ed., Napoli (2020)

In Italia, già a partire dagli ultimi decenni del Settecento, grazie alla presenza dei modelli di riferimento, l’attenzione per la raffigurazione animalista è tale che molti scultori iniziano a dedicarsi a questo genere artistico, coniugando la terribilità della scultura antica con la forza dei modelli cinquecenteschi. Da questo momento, il genere animalista nella scultura italiana è sempre presente e persistente per tutto il corso del secolo XIX, seguendo in parallelo le ricerche naturaliste e romantiche prima, e quelle realiste poi, con una linea di continuità creativa che prosegue vivacissima nella seconda metà del secolo e, ininterrotta, giunge al XX secolo risultando ancora oggi, nel contemporaneo, molto praticata dagli scultori italiani emergenti. Una inequivocabile attenzione al genere, certamente in contrasto con quanto sostenuto da tutta la critica francese – anche la più recente – secondo la quale la scultura animalier, “che non risulta praticata dagli italiani”, nasce in Francia in epoca romantica a far capo dall’esposizione della «Tigre che divora un coccodrillo» di Antoine-Louis Barye al Salon parigino del 1831.

Richiedi informazioni